Uno studio dice che il dottore che ha dato alla sindrome di Asperger il suo nome ha aiutato i nazisti a uccidere i bambini

Il medico austriaco per il quale è stata chiamata la sindrome di Asperger ha aiutato i nazisti a uccidere bambini disabili durante la seconda guerra mondiale, secondo uno studio pubblicato giovedì.

Hans Asperger, un pediatra che per primo identificò la sindrome nel 1944, andò a genio con i nazisti indirizzando i bambini a una delle loro famigerate cliniche per l’eutanasia, lo storico medico Herwig Czech dell’Università medica di Vienna rivelò sulla rivista Molecular Autism.

Quasi 800 bambini che non rientravano nel criterio del Terzo Reich di “degno di vivere” – nel senso che mancavano di “purezza razziale” e “dignità ereditaria” – morirono nella clinica Am Spiegelgrund di Vienna tra il 1940 e il 1945.

Asperger riferiva spesso i bambini disabili alla clinica, secondo documenti precedentemente non trattati dagli archivi di stato – inclusi i file del personale di Asperger e i casi clinici dei pazienti – riportati alla luce dalla Repubblica ceca, secondo quanto riportato dal Guardian UK.

I bambini, che avevano “difetti” fisici o psicologici, erano ritenuti indesiderabili e venivano uccisi per fame e iniezione letale – sebbene la loro causa di morte fosse riportata come polmonite.

Mentre Asperger si vantava di aver protetto i suoi pazienti dal regime nazista, era un ingranaggio nella sua macchina per uccidere ed è stato premiato per la sua lealtà con opportunità di carriera, ha rilevato il ceco.

“Era responsabile della privazione della libertà di molti bambini che riteneva incapaci di esistere al di fuori delle istituzioni”, ha detto il ceco al Guardian.

Tra le scoperte della Repubblica Ceca c’è una foto di Herta Schreiber, una bambina di 3 anni che ha sofferto di encefalite e che è morta tre mesi dopo essere stata ricoverata in clinica per ordine di Asperger.

Il dottore l’aveva trasferita perché “doveva essere un peso insopportabile per sua madre”, scrisse, ed era considerata incurabile. Un campione del cervello del bambino è stato trovato nel seminterrato della clinica alla fine degli anni ’90 e fu sepolto nel 2002.

Asperger spesso considerava i bambini vittime di abusi sessuali responsabili di ciò che accadeva loro e gli stereotipi antisemiti spesso si insinuavano nelle sue diagnosi, scriveva il ceco. Il dottore non ha mai riconosciuto che gli ebrei erano stati presi di mira dai nazisti, anche dopo la fine della guerra.

“Asperger non stava facendo del suo meglio per sopravvivere in condizioni intollerabili, ma era anche complice con i suoi superiori nazisti nel prendere di mira le persone più vulnerabili della società”, ha scritto in un editor i redattori dell’Autismo Molecolare.

Asperger ha continuato a lavorare come medico per oltre tre decenni dopo il crollo del regime nazista e morì nel 1980.

Tradotto da Foxnews:

http://www.foxnews.com/science/2018/04/19/doctor-who-gave-asperger-syndrome-its-name-helped-nazis-kill-children-study-says.html

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s